Progetto Giova C.A.O.S.

cropped-tumblr_m8zxklhg2F1re6pzpo1_1280.jpg

Progetto C.A.O.S. si colloca in un contesto (Rozzano Quartiere Aler), che non è solo un territorio ed un area geografica, ma un insieme di “mondi” culturali ed educativi anche molto diversi tra loro, con storie e trasformazioni comuni che hanno interessato tutti e coinvolto gli interventi educativi professionali nelle politiche di welfare, per affrontare le nuove emergenze che si sono riscontrate soprattutto nell’area del disagio, dell’esclusione sociale e della dispersione scolastica.

Lontani dallo stereotipo che vede le periferie urbane esclusivamente come un concentrato di problemi, siamo convinti, al contrario, che esse vadano riconosciute come luoghi di pluralità, in cui sono presenti al tempo stesso, risorse e vantaggi. Un luogo che cerca i propri modelli, li costruisce e decostruisce continuamente e che offre ai Progetti Educativi l’opportunità di partecipare a questo processo. Sentiamo la responsabilità professionale di farci coinvolgere, di abitare questo incontro cogliendo il “segno dell’altro” nelle pratiche quotidiane, nelle storie di educazione e nelle relazioni che, inevitabilmente, lo stare nel contesto socio-culturale di Rozzano offre.
In questa direzione va il nostro impegno. Considerato che il progressivo aumento di complessità delle società sviluppate comporta anche il proporzionale aumento della complessità del sistema educativo, sia in termini di aumento delle esperienze educative, sia in termini di riduzione della linearità delle stesse, abbiamo pensato ad un progetto che possa raccogliere questa sfida e contribuire in modo sistematico a operare in merito a:
• la prevenzione e il contrasto alla marginalità, in particolare di preadolescenti;
• la prevenzione rispetto ai fattori di rischio;
• il recupero di soggetti che hanno assunto stili di vita considerati devianti;
• la promozione di percorsi adeguati per lo sviluppo e l’espressione di capacità e abilità personali;
• la promozione di nuove letture dei bisogni e delle specificità dei contesti;
• la promozione sociale e culturale di modelli educativi alternativi in grado di dialogare con quelli più diffusi;
• lo sviluppo di letture complesse e inedite delle identità sociali e dei modelli culturali;

Coop.Soc.Albatros ONLUS

www.albatroscoop.it             www.progettocaos.it

Share
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.